home
home

Proviene da una famiglia che da tre generazioni annovera pittori e scultori di professione che hanno operato soprattutto a Venezia, Verona, Tortona e New York (i veneziani Ettore e Piero Caser, i veronesi Attilio, Nurdio e Guido Trentini, il piemontese Angelo Barabino).

Ha conseguito la maturità artistica e l'abilitazione all'insegnamento del disegno a Genova nel 1961 “A Genova venivano a casa mia Rocco Borella e qualche volta Emilio Scanavino. Una volta incontrai pure Fiorenzo Tomea, amico di mio padre, che fece le sue candele storte sull’album dei ricordi. Con Rocco Borella ci fu la scoperta per me della ceramica ad Albisola; la libertà di far colare il colore, la libertà di non dover raffigurare, ma di poter lasciare anche al caso l’espandersi del colore. L’emozione della ceramica cotta dove i colori cambiano, dove la cristallina diventa lucente. Il mio liceo artistico, la mia amicizia, che ancora dura, con Natasha Pulitzer, ora architetto a Bassano del Grappa, allora a Genova, figlia di Gustavo Pulitzer, architetto navale. Ero più a casa sua che a casa mia. Nella sua famiglia di intellettuali c’erano spesso personaggi affascinanti, come Lele Luzzati che per tanti anni lavorò per loro. Oltre a decorare navi, affrescava anche i muri della loro casa, dipingeva i mobili e faceva bellissimi arazzi con segni forti e giocosi. Alle pareti c’erano anche molti quadri di Sironi, anche lui collaboratore dell’architetto Pulitzer. Io provavo a volte ad imitarli: a casa mia dipinsi un armadio-letto in stile Luzzati”.

Nel periodo 1970/72 ha seguito corsi di specializzazione in figura e teoria del colore con Rolando Monti presso l'Accademia delle Belle Arti di Roma. Un fecondo periodo romano pieno d’incontri, approfondimenti che culmina con la prima uscita pubblica alla galleria “Della Pigna” con una presentazione di Marcello Venturoli.

Segue un successivo periodo tra gli anni 1972-1985, nell’area della provincia di Varese, dal forte impegno organizzativo nel campo artistico e politico, segnato dall’arricchimento di nuove esperienze scenografiche, grafiche e cartellonistiche. “È il periodo dei lavori con l’areografo e con le bombolette a spruzzo, per riempire grandi spazi, per poter riprodurre in copie uniche e veloci con sagome di cartone, le immagini; per poter essere con Benjamin e l’arte e la società di massa. Espongo a Varese al Castello di Masnago, ci presenta Giorgio Seveso, viene a vedere anche Guttuso che poi scriverà un articolo sul giornale locale ironizzando sulla mancanza del pennello a favore delle bombolette spray”.

Con l’arrivo a Verona nel 1985 si dedica alla pittura a tempo pieno partecipando a mostre personali e collettive in tutto il mondo ricevendo segnalazioni e premi. Nel 2002 è stata scelta tra artisti internazionali a eseguire l’HOLIDAY CARD per l’Orchestra Sinfonica di Chicago. Nel 2003, da maggio a settembre, è stata invitata al Museo Italoamericano di S.Francisco per una personale: “Time and Dreams on my Hands” e ancora nel 2011, da agosto a novembre, con la personale “Dreams, Shapes and Colors”.

E’ presente al Museo di Arte Contemporanea “Dino Formaggio”di Teolo (Padova) dove nel 2005 ha tenuto una personale “Il tempo delle fiabe” e un laboratorio per bambini.

Ha svolto anche attività grafica/pubblicitaria prima a Genova presso lo studio Lavarello seguendo l’allestimento per la Fiera del mare e altre imprese, poi a Torino presso lo studio Sanguineti quindi in Lombardia curando il progetto, l’impianto e la realizzazione di pubblicazioni impiegando tecnologie di informatica grafica e di editoria elettronica.

Ha insegnato Disegno ed Educazione artistica in  diverse scuole di ordine e grado curando anche laboratori  di ceramica, di cartapesta e allestimenti scenografici per rappresentazioni teatrali.

Attualmente vive a Verona. Sue opere sono presso privati e collezioni pubbliche in Italia, Europa, negli USA, in Canada e negli Emirati Arabi.

Dal 2009 é presidente e direttore artistico del Centro culturale la Firma di Riva del Garda.

Nel 2011 é risultata 2° classificata al concorso per la realizzazione di un'opera d'arte per la struttura polfunzionale del Comune di Sossano (Vicenza)

Hanno scritto di lei:
Dino Formaggio, Maurizio Marini, Carlo Milic, Marcello Venturoli, Valerio Dehò, Mario Cossali, Graziano Riccadonna, Giorgio Seveso, Paolo Tomio, Giorgio Trevisan, Vera Meneguzzo, Paola Azzolini, Elisabetta Rizzioli, Luigi Verzellesi, Margaret Hawkins e Anna Zakiewicz.

MUSEI E ISTITUZIONI

MilanoPalazzo della Regione

Teolo (PD) Museo d’Arte contemporanea Dino Formaggio

Monaco IstitutoItaliano di Cultura

San Francisco (USA) Museo Italo Americano


Leggi anche: ORDITO AUTOBIOGRAFICO >

http://annacaserportfolio.info



VIDEO: INTERVISTE E ALTRO


Intervista televisiva RTTR a Trento, Parte 1 di 4



Parte 2 di 4



Parte 3 di 4

 

Parte 4 di 4

 



Varsavia Galleria Licorne 2002 -  Intervista ad Anna Caser



Anna Caser Centro Culturale Orizzonti , Milano 1994




Download » [Ordito autobiografico - PDF]
Download » [Biographical note - english version - PDF]  /
Download » [Autobiographical texture - english version - PDF]

Download » [Hanno scritto di lei]

home biografia opere mostre critica link news contatti  


© Copyright | Credits | area riservata | visite